La data del matrimonio è il “la” che fa partire tutta la macchina organizzativa, sia logistica che burocratica, perché senza questo “piccolo particolare” non si può fissare la chiesa, il ricevimento e nemmeno preparare le partecipazioni. In pratica una volta scelta la data si parte con tutti i preparativi. C’è un periodo migliore per sposarsi? Esistono delle date in cui invece è meglio evitare? Ecco una piccola guida per districarsi nella decisione di una data perfetta per convolare a nozze, che è un mix di romanticismo e praticità.

Data del matrimonio: una scelta per tempo

Sembrerà banale ma la data del matrimonio va scelta per tempo, soprattutto se si vuole una determinata location o chiesa e se ci si vuole sposare nei mesi della bella stagione. I periodi che vanno da aprile ad ottobre, infatti, sono quelli più gettonati e per cui anche i più affollati di eventi, il consiglio è quello di organizzare tutto almeno con un anno di anticipo. Questo tempo sarà necessario per trovare un buon compromesso tra il periodo che preferite per il matrimonio, la chiesa o la sala del comune dei vostri desideri e perché no anche della location.

Si può organizzare un matrimonio anche in meno tempo, ma dovrete forse accontentarvi di quello che troverete libero o scegliere una data poco convenzionale (es. infrasettimanale e in un mese poco gettonato). È pur vero che se invece volete sposarvi in un posto che ha una lunga lista di attesa, dovete scegliere la data anche con un paio d’anni di anticipo!

data matrimonio quando sposarsi

Come scegliere la data

Ogni coppia sceglierà la data in base a una ricorrenza (il giorno del fidanzamento, del primo bacio), oppure perché quel giorno è legato a un evento importante per la coppia o anche a un numero fortunato. Si tratta di una data importante per cui va scelta con cura. Il consiglio è di evitare le date dei compleanni degli sposi o familiari e se possibile evitare giorni in cui almeno tra i familiari stretti ricadano già eventi, ricorrenze o lutti importanti.

Come scegliere il periodo delle nozze

Tutto dipende anche da cosa gli sposi preferiscono e come vogliono organizzare le nozze. Se amate l’estate, il mare e sognate un matrimonio all’aperto dovete optare per i mesi più caldi e con una cerimonia sulla spiaggia. Se invece preferite l’inverno, la neve e le baite in montagna scegliete una data nei mesi freddi.

Ovviamente il periodo vi consentirà in alcuni casi anche di risparmiare qualcosa sui costi e poi di trovare più scelta sia per le location che per i fornitori. Naturalmente in base a quando ci si sposa, si potranno fare delle scelte ma anche delle rinunce. Valutate, quindi, quali sono per voi le cose irrinunciabili nell’organizzazione di un matrimonio e partite da lì per scegliere la data e tutto ciò che farà da cornice al vostro evento.

Quando andate a chiedere la disponibilità alla chiesa, alla sala e alla location è bene andare comunque con un ventaglio di date possibili sperando sia libera quella che preferite.

I periodi più gettonati per convolare a nozze

La maggior parte delle coppie decide di sposarsi in un periodo dell’anno in cui il clima è favorevole, i mesi in cui maggiormente si concentrano le scelte sono quelli della tarda primavera come maggio e giugno, e poi quelli estivi come luglio e settembre. Agosto, aprile e ottobre sono scelti da meno coppie ma per motivi differenti.

La scelta della data può essere fatta pensando anche agli invitati. Agosto, infatti, è generalmente il periodo in cui la maggior parte delle persone va in ferie e quindi non tutti potrebbero rinunciarci per un matrimonio. Inoltre, va considerato che soprattutto alcune località i costi nelle settimane centrali di agosto potrebbero subire dei rincari. Se vi serve un’altra motivazione, considerate anche il caldo, per cui se proprio non potete fare a meno di scegliere agosto come mese per le nozze optate per una cerimonia serale.

come scegliere data matrimonio

Un matrimonio in una data particolare

Se avete il desiderio di sposarvi in un giorno particolare, di una festa o di una ricorrenza è bene prima di tutto parlarne con il parroco o con chi gestisce la sala della cerimonia (es. il Comune). Scegliere di sposarsi ad esempio nel periodo di Natale o a Capodanno o ancora in altre feste religiose o civili potrebbe incontrare qualche ostacolo, quindi è bene parlarne per tempo.

Ci sono poi dei giorni in cui è meglio non convolare a nozze, almeno in base a quanto dicono tradizioni e credenze del passato. Ad esempio, non ci si deve sposare nel giorno del compleanno degli sposi e poi mai fissare le nozze di martedì e venerdì. Per chi è credente, si evitano i periodi pre-pasquali e pre-natalizi perché sono quelli più austeri in cui non si eccede nei festeggiamenti, ma sarebbe bene anche non scegliere le date di feste religiose. Considerate anche che i ristoranti e alcune location proprio in occasioni di festa hanno il pienone e la sala potrebbe non essere solo vostra.

Sposarsi nel weekend o in un giorno infrasettimanale?

Vi abbiamo suggerito quali date e periodi preferire sia per questioni di logistica, affollamento e risparmio economico. Il discorso vale anche per i giorni della settimana. La scelta è sempre di voi sposi, ma prendete anche a cuore le esigenze degli invitati, soprattutto quelli che volete assolutamente nel giorno del vostro matrimonio.

Sposarsi in mezzo alla settimana vuol dire organizzare un ricevimento serale costringendo quasi tutti a prendere almeno mezza giornata di ferie. Certo per gli sposi sarà più facile trovare location libere e risparmiare qualche soldino.

Il weekend è di solito favorito per le nozze, è il più gettonato e quello quindi dove location e chiese hanno le agende piene:

  • se non siete superstiziosi il venerdì può essere un giorno buono per sposarsi, gli sposi risparmiano, gli invitati possono fare la settimana corta al lavoro oppure per chi si sposta si può optare per un weekend fuori porta;
  • il sabato è uno dei giorni preferiti dagli sposi, si può festeggiare di giorno e avere tutta la domenica per riposare; oppure sposarsi in serata e fare un grande party, tanto domenica non si lavora (almeno per la maggior parte);
  • e poi c’è la domenica, qui preferibilmente il matrimonio prevede il pranzo, come nelle migliori feste familiari, è il giorno di festa per eccellenza, ma considerate di non tirare troppo il ricevimento per le lunghe, il giorno dopo si lavora!

La scelta della data del matrimonio vi sembra più facile o difficile dopo aver messo nero su bianco pro e contro? Fate un bel respiro e ragionate con calma, come abbiamo detto all’inizio ci vuole un po’ di romanticismo e un po’ di praticità. Buona scelta!